LIFE Programme

Life Aquor - Provincia di Vicenza

Provincia di Vicenza

Il sito è realizzato con il contributo finanziario dello strumento LIFE+ dell'Unione Europea

Sei in: Italiano / Progetto Aquor / Azioni / Azioni di monitoraggio / D_4

AZIONE D 4

Progettazione e attuazione del monitoraggio della portata e della qualità chimico-fisica delle acque di risorgiva a valle dei siti di intervento (taratura strumenti, campionamenti, analisi)

 

Partner Responsabile: Acque Vicentine S.p.a.

Acque Vicentine

 

Le risorgive costituiscono, come è noto, un’importante spia indicatrice dello stato di salute e di gestione delle risorse idriche contenute nel sistema acquifero vicentino.

Ad una elevata portata di sfioro dalle risorgive corrisponde un più alto livello della tavola d’acqua nell’acquifero indifferenziato e quindi una maggior capacità di regolazione. In queste condizioni aumenta la quantità di risorsa disponibile stoccata nel serbatoio e, di converso, si incrementa anche la pressione neutrale in seno ai circuiti confinati.

Tenuto conto che la maggioranza degli emungimenti acquedottistici vicentini avviene tramite pozzi profondi di tipo artesiano, alle condizioni suddette consegue maggiore salienza e quindi più grande disponibilità d’acqua, che si traduce anche in minori spese per il sollevamento (in accezione squisitamente gestionale / energetica).

In genere nelle condizioni descritte si verifica la rivitalizzazione di polle o fontanili prosciugatisi nei momenti di magra: ne consegue un ampliamento della fascia dei fontanili, che può portare anche a benefici sotto il profilo ambientale ed ecologico.

Dalla portata delle risorgive dipende anche la vitalità del diffuso reticolo idrografico superficiale dalle stesse originato: in particolare la portata dei corsi d’acqua che fluiscono in città, come il Bacchiglione, il Retrone, l’Astichello e, un tempo, anche la Seriola.

In buona sostanza l’elemento indicativo della condizione dell’intero sistema geo-idrologico vicentino è proprio la portata di sfioro e lo stato qualitativo delle risorgive.

Queste considerazioni rispecchiano quanto dispone la Direttiva Quadro sulle Acque (DQA) che riconosce “lo stato quantitativo di un corpo idrico sotterraneo può influire sulla qualità ecologica delle acque superficiali e sugli ecosistemi terrestri connessi a tale corpo idrico sotterraneo”. Tali disposizioni, recepite nella normativa nazionale dal D.Lgs 152/2006, richiamano la necessità di valutare lo stato quantitativo delle acque sotterranee in relazione a quello delle acque superficiali e degli ecosistemi terrestri a queste connessi, i quali quindi devono essere opportunamente identificati e caratterizzati.

L'azione D4 si prefigge di verificare la situazione attuale del sistema delle risorgive prendendo come riferimento alcuni studi passati realizzati sul territorio vicentino (studio AIM-CNR e studio Modena – Zangheri 2005) con il fine di ottenere un monitoraggio orientato a predisporre i presupposti conoscitivi per una valutazione a lungo termine.

Gli obiettivi prioritari sono:

 

Per approfondire le attività programmate clicca qui.

 

Sono disponibili:

la relazione divulgativa "La ricarica artificiale della falda mediante la gestione integrata delle risorse idriche - CENSIMENTO DELLE RISORGIVE"

la relazione tecnica "Censimento delle risorgive in Provincia di Vicenza - indagini geologiche, idrogeologiche ed ambientali"

curate da Sinergeo srl per conto di Acque Vicentine

Vai alla pagina Download

 


Contenuti e redazione a cura della Provincia di Vicenza - Informazioni sulla privacy
Sito web accessibile realizzato con Minisfera sviluppato e distribuito da Forma Srl - Tutti i diritti riservati